Territorio
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Procura di Cosenza, giovedì mattina, ha emesso un provvedimento di chiusura indagini nei confronti del sindaco di Rende Marcello Manna, di un assessore, di un tecnico e di un liquidatore per la vicenda della Legnochimica.

I provvedimenti, firmati dal procuratore aggiunto Marisa Manzini e dal sostituto Antonio Bruno Tridico - con la super visione del procuratore capo Mario Spagnuolo - riguardano oltre al sindaco Manna anche il liquidatore e il commissario della societa' Legnochimica, l'assessore all'Ambiente del Comune di Rende e il responsabile dell'ufficio tecnico comunale.

Le accuse contestate sono di omessa bonifica e di danno-inquinamento ambientale. Si tratta di indagini che hanno avuto impulso in particolare dopo un vasto incendio che lo scorso 9 giugno ha interessato l'area credendo preoccupazione per la salute dei cittadini. Le fiamme vennero spente dopo diversi giorni quando prese fuoco una delle vasche dell'ex stabilimento della zona industriale di Rende.

Il sindaco Manna - allo stato - non ha ricevuto ancora alcun avviso di garanzia: "Se quello che leggo sulla stampa fosse vero è di una gravità inaudita perchè questi atti sono proprio a garanzia della persona. Se ciò dovesse essere vero e confermato con un provvedimento della Procura procederò immediatamente a fare tutto ciò che sia necessario chiedendo gli atti alle autorità preposte".