Territorio
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E' indagata per appropriazione indebita e malversazione Adriana Musella, presidente dell'associazione antimafia "Riferimenti", nei cui confronti la Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di beni del valore pari a 75.000 euro emesso, in via d'urgenza, dalla Procura della Repubblica della città dello Stretto.

Musella, nota per le numerose iniziative promosse in nome della legalità, figlia dell'imprenditore Gennaro, ucciso dalla 'ndrangheta anni addietro, secondo l'accusa, avrebbe distratto dai fini a cui erano destinati le risorse stanziate a beneficio dell'associazione. Numerosi gli enti pubblici nei cui confronti sarebbe stata commessa la malversazione (Consiglio regionale della Calabria, Provincia di Reggio Calabria, Comune di Reggio Calabria, Provincia di Vibo Valentia, Comune di Verona, Comune di Santa Maria Capua a Vetere, Provincia di Salerno, Provincia di Verona, M.I.U.R., Consiglio Ordine degli Ingegneri di Salerno, Camera di Commercio di Reggio Calabria, Comune di Bollate, Comune di Gioia Tauro) mentre l'appropriazione indebita sarebbe avvenuta ai danni della stessa associazione da lei presieduta.

Nel corso degli anni, a partire dal 2002, in qualità di presidente dell'Associazione Coordinamento Nazionale Antimafia "Riferimenti" Gerbera Gialla, Musella ha ricevuto e gestito diversi finanziamenti, anche pubblici, per un importo complessivo di circa 450.000 euro, il cui impiego sarebbe dovuto essere vincolato alla divulgazione della cultura antimafia.

Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria avrebbero invece evidenziato che parte di quei fondi ottenuti nel corso del quinquennio 2010-2015, quantificabili in circa 55.000 euro, sono stati utilizzati per finalità ritenute estranee a quelle associative.

L'esame approfondito dei conti bancari dell'associazione, avrebbe evidenziato che parte dei fondi disponibili, quantificabili in circa 20.000, destinati all' associazione, sarebbe stata utilizzata da Musella come uno strumento di liquidità "personale" aggiuntivo, cui faceva ricorso. Sulla base di tali accertamenti, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha disposto il sequestro preventivo di beni.