Territorio
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I lavori su viale Giacomo Mancini hanno ormai reso irriconoscibile la città: colate di cemento colorato e pavimentazioni impermeabili al posto del prato. Quello che da tutti i cittadini cosentini era considerato uno dei pochi polmoni verdi della città si sta trasformando nell’ennesima isola di calore.

Mario Occhiuto, che negli ultimi mesi ha riscoperto una sensibilità green, definisce quest’opera come rivoluzionaria, innovativa nel campo della sostenibilità ambientale. A sentire le parole del sindaco sembra quasi di essere di fronte ad una vera e propria foresta urbana, un’oasi verde in cui trovare ristoro, un parco della biodiversità. Basta guardare al di là delle barriere del cantiere per constatare che si tratta dell’ennesima colata di cemento.

Mentre nelle capitali europee si stanno promuovendo sempre più iniziative volte a contrastare i cambiamenti climatici, incrementando il verde urbano e favorendo politiche di mobilità sostenibile, a Cosenza, purtroppo, siamo costretti ad assistere alla violenza distruttrice di ruspe e betoniere che devastano ogni giorno il patrimonio verde della città.

La visione politica di questa amministrazione è limitata e vecchia, lo confermano i numerosi esempi di riqualificazione a verde realizzati in tutta Europa: la rigenerazione urbana dei quartieri dismessi a Berlino, il parco agricolo a sud di Milano, i giardini botanici di Bordeaux, gli orti sociali a Copenaghen.

Il meetup Cosenza e Oltre consiglia al sindaco Occhiuto di visitare una delle città europee sopra citate, per capire che il modello di sviluppo che propone è tutt'altro che ecosostenibile e non è espressione di una svolta ecologica reale. I dati sull’aumento della temperatura globale sono allarmanti e urge una forte e tempestiva risposta da parte della politica, che ha il dovere di impegnarsi per evitare che le conseguenze siano irreversibili.

Spostare il traffico da una strada all’altra non riduce il tasso di inquinamento. Impermeabilizzare superfici urbane con malte colorate non rende più green questa città. Sostituire gli alberi con parasole in ferro non riduce la Co2. La sostenibilità ambientale è altra cosa!
#fiatosulcollo #svoltaecologica

(comunicato stampa Meetup Cosenza e Oltre)